Print Friendly, PDF & Email

Premessa

 

Questo libro mi è molto caro. Il mio gusto di lettrice di libri gialli si è formato con questa scrittrice, per me ineguagliabile. Confesso di aver letto molte volte questo romanzo, anche in lingua originale, e ogni volta mi sorprendo a scoprire una sfumatura diversa che non avevo notato prima, un particolare che mi era sfuggito ma fondamentale per arrivare alla soluzione del mistero. 

Faccio un breve inciso. Il motivo che mi ha portato sotto le feste di Natale a riprendere in mano questo libro e leggerlo per l’ennesima volta è stato essenzialmente il fatto che a febbraio sarebbe uscito al cinema il film di Kenneth Branagh, molto atteso perché più volte rimandato a causa del Covid. Ricordo il famoso Death on the Nile del 1978, un film con un cast stellare, con un Poirot incredibile. Che dire, sono andata a vederlo piena di aspettative ma… 

Torniamo alla recensione, sono qui per questo! Ti consiglio di leggere questo libro perché verrai trasportato in un’altra epoca, in un’ambientazione affascinante, con personaggi intriganti. La storia si svolgerà davanti ai tuoi occhi ad un ritmo serrato, i colpi di scena ti lasceranno sorpreso e non potrai smettere di leggere sino alla scena finale. Questo libro ti farà dimenticare il presente per immergerti completamente in una storia incredibilmente coinvolgente. E il finale non è assolutamente scontato!

La trama

La storia inizia con un breve prologo. Due donne, amiche, una molto ricca, l’altra povera, Linnet Ridgeway e Jacqueline De Bellefort, si incontrano in un locale. Jacqueline racconta a Linnet di aver trovato il vero amore, un sentimento che le fa dimenticare ogni sfortuna passata e che la riempie di speranza per il futuro. Chiede all’amica, proprietaria di molte attività, di aiutare il suo uomo, Simon Doyle, dandogli un lavoro. Ne decanta i pregi, tanto da far nascere in Linnet curiosità ed invidia. Invidia per l’unica cosa che le manca, l’amore. Ed è in questo momento che il destino di Linnet Ridgeway, Jacqueline De Bellefort e Simon Doyle si compirà. 

Passano i mesi e la storia si sposta in Egitto.

Il famoso investigatore Hercule Poirot si trova qui in vacanza. Come la coppia di novelli sposi, Linnet Ridgeway e Simon Doyle, in viaggio di nozze. Un gruppo variegato di persone partecipa alla crociera sulla nave Karnak, in navigazione sul Nilo. E qui troviamo anche Jacqueline De Bellefort, ora la donna alla quale è stato strappato l’amore, l’incarnazione della vendetta. La tensione tra Linnet e Jacqueline è una corda tesa, tanto da portare Linnet a parlare con Hercule Poirot per chiedergli di convincere Jacqueline a tornare a casa.  Tornare a casa prima che sia troppo tardi…

La sequenza delle azioni si fa sempre più serrata, fino al precipitarsi degli eventi e al finale inaspettato.

La mia recensione

Assassinio sul Nilo, Poirot sul Nilo o Morte sul Nilo sono le traduzioni spesso usate per Death on the Nile. La traduzione per me più calzante è “Morte sul Nilo”. Il libro è stato scritto nel 1937, ha più di ottant’anni, ma li porta benissimo! 

E’ un giallo dalla trama magistrale, ma è anche un libro che racconta un viaggio, la crociera sul Nilo, che trovo, anche se sono passati tanti anni, ancora attualissimo nel suo svolgimento. Se hai fatto questa esperienza ti accorgerai che la crociera dell’epoca è rimasta oggi pressoché la stessa. Sono stata sul Nilo una decina d’anni fa e ne ho un ricordo vivido: tutto sembra uguale nonostante gli anni trascorsi tra la narrazione della Christie e la mia esperienza. Incredibile!

La storia ha come perno due dei sentimenti più profondi dell’uomo, l’amore e il tradimento. Questa è la chiave di lettura per comprendere le azioni dei protagonisti, gesto dopo gesto.

La trama è intrecciata in modo tale da lasciare al lettore il gusto della scoperta. La vera essenza di un mistery è proprio questa: provare ad arrivare alla soluzione prima del detective. Ma qui non c’è gara! Hercule Poirot metterà in moto tutte le sue celluline grigie per risolvere il caso!

Consiglio questo libro agli appassionati dai 14 anni in su: ognuno lo vivrà in modo diverso ma a tutti lascerà un ricordo bellissimo.